La morte di Federico II e la maledizione degli Hohenstaufen
venerdì 19 gennaio 2018

La morte di Federico II e la maledizione degli Hohenstaufen

Il pensiero della morte non pare di quelli che frequentassero la mente di Federico di Svevia. Eppure quest’uomo, che per tutta la vita si comportò come se non dovesse morire mai, si era preparata la tomba da qualche tempo: un sarcofago di porfido rosso fatto venire a Palermo da Cefalù dove l’aveva trovato vuoto, con le tombe che il nonno Ruggero II aveva dato a sé e ai suoi, quando vi aveva eretto quel duomo, in scioglimento d’un voto.

Federico II di Svevia
Federico II Hohenstaufen (Jesi, 26 dicembre 1194 – Fiorentino di Puglia, 13 dicembre 1250) fu re di Sicilia (come Federico I, dal 1198 al 1250), Duca di Svevia (come Federico VII, dal 1212 al 1216), re di Germania (dal 1212 al 1220) e Imperatore del Sacro Romano Impero, e quindi precedentemente Re dei Romani (come Federico II, eletto nel 1211, incoronato dapprima ad Aquisgrana nel 1215 e, successivamente, a Roma dal papa come Imperatore nel 1220), infine re di Gerusalemme (dal 1225 per matrimonio, autoincoronatosi nella stessa Gerusalemme nel 1229).
Apparteneva alla nobile famiglia sveva degli Hohenstaufen e discendeva per parte di madre dalla dinastia normanna degli Altavilla, regnanti di Sicilia. Conosciuto con gli appellativi stupor mundi (“meraviglia o stupore del mondo”) o puer Apuliae (“fanciullo di Puglia”), Federico II era dotato di una personalità poliedrica e affascinante che, fin dalla sua epoca, ha polarizzato l’attenzione degli storici e del popolo, producendo anche una lunga serie di miti e leggende popolari, nel bene e nel male.

Una specie di timpano triangolare sormonta la base a semicerchio poggiata su quattro leoni. Strani simboli pagani decorano quell’arca imponente. La salma vi fu deposta dopo una sosta a Messina. Al saio dei cistercensi che prima la ricoprì, furono sostituiti gli ornamenti imperiali. Sul camice di lino dal collare e i polsini adorni d’iscrizioni in caratteri cufici, una funicella di seta scarlatta ricoperta dal manto ricamato di perle e chiuso da un gioiello prezioso. Anche le scarpe, di seta rossa; alla mano destra l’anello d’oro con un grosso smeraldo; a lato, il cinturone in oro e argento che sostiene la spada decorata.
Sul capo una corona sobria, simile a cuffia, di bronzo e d’oro; deposto vicino alla testa il globo imperiale d’oro, adorno d’un cerchio di piccoli smeraldi e di una perla enorme.

La tomba fu aperta nel 1781. Il volto era ben conservato “come quello d’un santo” osservò uno dei presenti. Si prese nota del contenuto, si fecero rilievi e disegni. Ancora nel 1962 fu compiuta un’altra ricognizione. La leggenda che diceva Federico sprofondato col cavallo nell’Etna era dimenticata.
La morte tolse a Federico di Svevia la possibilità di vincere. Ma il trionfo dei suoi nemici non durò a lungo. L’Italia perse con lui, per secoli, la speranza dell’unità. Il nascere attorno a lui di leggende che soltanto in seguito furono riferite al nonno Barbarossa mostra quale alta luce promanasse al mondo dal fascino della sua idea imperiale.

“Distruggere sino agli ultimi discendenti questa razza di vipere che mai più cingeranno corone imperiali e reali” era stato il giuramento di papa Innocenzo IV, nel condannare, con Federico, i suoi figli e nipoti. E la tremenda condanna doveva compiersi nel giro di pochi anni dalla morte dell’imperatore.

Abbandonata la lotta in Germania, Corrado IV scendeva in Italia a riconquistarvi la Puglia e Napoli. La morte lo colse a Lavello il 10 ottobre 1253; lasciava un figlio di due anni, Corradino. Enrico, il giovane figlio che Federico aveva avuto da Isabella, la sposa inglese, era morto anche lui, un anno dopo suo padre. A tener alta la bandiera degli imperiali rimaneva il solo Manfredi. Sedici anni riuscì a contrastare le forze del Papa, padrone del regno e di parte dell’Italia settentrionale finché anche lui dovette soccombere. Andò incontro alla morte il 26 febbraio 1266 sul campo di battaglia di Benevento, nell’estrema lotta contro Carlo d’Angiò, tanto diverso dal suo santo fratello, il re Luigi IX di Francia.

Fiorentino, il luogo dove si avverò la profezia
Fiorentino, il luogo dove si avverò la profezia

L’aveva chiamato, dandogli in feudo il regno di Sicilia, il francese Gui Faucoi, Clemente IV, eletto alla cattedra di Pietro nel febbraio 1265. Era il terzo pontefice romano dopo che Innocenzo era morto, nel 1254, ma la maledizione contro gli Hohenstaufen non si spegneva. Né miglior sorte toccava più tardi al figlio di Corrado. A quindici anni era sceso dalla Germania a reclamare l’eredità del grande nonno, di cui la leggenda diceva che non era morto, ma dormiva il lungo sonno, in attesa di risorgere a restaurare la gloria dell’Impero. Caduto prigioniero a Tagliacozzo il 21 agosto 1268, Corradino era fatto decapitare da Carlo d’Angiò sulla piazza del mercato di Napoli, il 29 ottobre dello stesso anno.

Aveva sedici anni. Testimone lontano di quei tragici eventi era l’unico figlio superstite di Federico, Enzo, nella sua dorata prigionia di Bologna. Alla sua morte, nel 1272, i bolognesi lo onorarono come un re. Il sogno di Federico era ormai un ricordo lontano. Con lui era scesa nella tomba quella forza che sola avrebbe potuto unire l’Italia e, insieme, era morto, come sistema effettivo di governo, il Sacro Romano Impero.

Breve cronologia inerente Federico II
1194 – 26 dicembre: nasce a Jesi dall’imperatore Enrico VI (figlio a sua volta di Federico Barbarossa) e da Costanza di Altavilla. Il giorno prima, a Palermo, il padre era stato incoronato re di Sicilia.
1197  – morte del padre.
1198 – Innocenzo III papa. Maggio: Federico è incoronato a Palermo re di Sicilia. Novembre: morte dell’imperatrice Costanza. Il figlio è affidato alla tutela di papa Innocenzo.
1202-1204 – quarta Crociata; conquista di Zara e Costantinopoli, e fondazione dell’Impero Latino d’Oriente.
1208 – Federico è proclamato maggiorenne.
1209 – agosto: Federico sposa Costanza d’Aragona. A Roma, Innocenzo III incorona imperatore di Germania Ottone di Brunswick (Ottone IV).
1212 – Federico si reca in Germania dove è incoronato re.
1214 – 27 luglio: battaglia di Bouvines combattuta tra Filippo Augusto, re di Francia, e l’imperatore Ottone IV. La vittoria di Filippo Augusto spiana l’avvio all’avvento definitivo di Federico.
1215  – IV Concilio lateranen se, che regola la procedura sulla scomunica contro gli eretici.
1216 – morto Innocenzo III, viene eletto papa Onorio III.
1218 – morte di Ottone IV.
1218-21 – quinta Crociata.
1220 – 22 novembre: Federico cinge in S. Pietro a Roma la corona imperiale e promette al papa di condurre una crociata contro gli infedeli, e di amministrare la Sicilia separatamente dall’impero.
1222 – morte della moglie Costanza d’Aragona.
1224 – 5 giugno: fonda l’università di Napoli.
1225 – gli viene presentato Pier delle Vigne che sarà suo valido collaboratore nell’opera di riordinamento della Sicilia. Sposa in seconde nozze Jolanda di Brienne, erede del regno di Gerusalemme. Nasce Tommaso d’Aquino.
1226 – morte di S. Francesco d’Assisi.
1227 – muore Onorio III; gli succede Gregorio IX. Finalmente, in settembre, Federico parte per la crociata, ma rientra poco dopo. Gregorio scomunica Federico.
1228 – giugno: sebbene scomunicato l’imperatore parte per la sesta Crociata. Mediante un accordo col sultano d’Egitto al-Kamil, e per i diritti venutigli dalla seconda moglie, ottiene Gerusalemme. Muore ad Andria, poco dopo la nascita del figlio Corrado, Jolanda di Brienne.
1229 – 18 marzo: Federico II re di Gerusalemme.
1231 – promulgazione delle Costituzioni melfitane. Dicembre: dieta di Ravenna. Viene riaffermata (ma senza pratici risultati) l’alta sovranità imperiale sui Comuni (quelli lombardi, durante la permanenza dell’imperatore in Oriente, avevano fatto causa comune col papa, che servendosi di truppe mercenarie aveva devastato il regno di Federico).
1235 – doma la rivolta del figlio Enrico (avuto da Costanza d’Aragona), che morrà prigioniero nel 1242.  15 luglio: sposa Isabella, sorella di Enrico III d’Inghilterra.
1237 – 27 novembre: battaglia di Cortenuova tra Federico II e la seconda Lega dei Comuni lombardi. L’imperatore vince.
1238 – matrimonio di Enzo, figlio naturale di Federico II con Adelasia vedova di Ubaldo Visconti, giudice di Torres e di Gallura. Il padre lo nomina re di Sardegna rincrudendo l’ostilità papale.
1241 – Federico II riesce a catturare gran parte dei prelati convocati per il concilio che si doveva riunire a Roma col fine di deporlo dopo la seconda scomunica infertagli due anni prima (20 marzo 1239). 21 agosto: muore Gregorio IX. Ottobre-novembre: pontificato di Celestino IV.
1242-43 – il seggio papale è vacante.
1243 – 25 giugno: è eletto papa Innocenzo IV.
1245 – giugno: riunito il concilio a Lione, il papa depone Federico e bandisce contro di lui una crociata.
1246 – viene eletto antire in Germania il langravio di Turingia Enrico Raspe. Cospirazioni contro Federico II.
1247 – 17 febbraio: morte di Enrico Raspe; gli succede Guglielmo d’Olanda.
1248 – Federico II è sconfitto sotto le mura di Parma caduta in mano a fazione favorevole al papa.
1249 – il figlio Enzo, sconfitto alla battaglia di Fossalta. Cade nelle mani dei bolognesi che lo terranno prigioniero fino alla morte (1272). Sempre nel 1249 muore (forse suicida) Pier delle Vigne, caduto in disgrazia. Intanto, in Germania, il figlio Corrado sconfigge Guglielmo d’Olanda.
1250 – 13 dicembre: Federico II muore improvvisamente nel castello di Fiorentino, in Puglia.

Fonte: tanogabo

Commenti



Lascia un commento

Ricorda che il commento deve essere approvato dall’amministratore del portale. Se il commento contiene insulti o accuse infondate, sarà cancellato. La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *