La Sacra Icona dei Molfettesi
venerdì 20 ottobre 2017

La Sacra Icona dei Molfettesi

Si narra che dai luoghi santi fu portato dai crociati, costretti ad abbandonare la Palestina il 2 Ottobre del 1188, dopo la sconfitta di Hattin, un quadro bizantino al quale fu dato il titolo di Madonna dei Martiri.

L’icona dei Crociati che si venera a Molfetta nel Santuario della Madonna dei Martiri. Ph Maria Cappelluti
Icona Bizantina venerata a Molfetta nella Basilica della Madonna dei Martiri - See more at: http://www.molfettadiscute.com/molfetta-giugno-1188-lapprodo-dellicona-dei-crociati/#sthash.EGBNqftG.dpuf
Icona Bizantina venerata a Molfetta nella Basilica della Madonna dei Martiri.
Leggi anche su Molfetta Discute:
“LA STORIA DELL’ICONA DEI CROCIATI”

La tavola, secondo alcuni di cipresso e secondo altri di cedro, misura 100×66 cm. e rappresenta la Vergine Maria a mezzo busto che regge sul braccio sinistro Gesù bambino il quale la abbraccia e la bacia teneramente. Agli angoli superiori troviamo due angeli i quali, secondo alcuni, anticamente reggevano due piccoli manti. Collocata in una nicchia in pietra leccese voluta da Giovanni Battista Cybo, successivamente ebbe la sua collocazione nell’attuale splendida edicola in marmo voluta dal vescovo Giovanni Antonio Bovio. La terza si ebbe quando Mons. Salemi fece costruire un altare di marmi pregiati ed ivi vi fece collocare l’edicola in marmo con il quadro della Vergine.

Di altre traslazioni si parla nel 1620 allorquando per le incursioni dei turchi sulle nostre coste,  Mons. Bovio la mandò nel monastero delle Vergini di Bitonto. Infine durante la seconda guerra mondiale fu custodito a Castel del Monte per paura di incursioni aeree.

Oltre alle traslazioni, diversi sono stati i restauri il primo dei quali risale a1 1412 sotto il vescovado di Alessio Celidonio. A documento di siffatto restauro il Celidonio vi fece apporre due targhe d’argento: l’una rappresenta il vescovo in ginocchio che prega, l’altra reca la seguente iscrizione: Recipe sacratissima virgo/veri dei atque nominis pareus/instaurationem et ornatum/huius tuae venerandae imaginis/A servo tuo indiguo licet / Alexio Chelidonio Lacedemonio/Episcopo Melphicti. Di altri restauri si parla nel 1905, nel l978 e nel 1998.

Lo zelo dei vescovi, tuttavia, non si limita solo della tutela della Sacra Icona. Il Vescovo Simone Alopa (1385 1401) ottenne il 24 Aprile 1399 dal re Ladislao di Napoli un diploma col quale fu concessa la fiera di otto giorni, 08/15 Settembre, nella festa della natività della Vergine sapendo che il giorno 8 di settembre si festeggiava la Madonna dei Martiri protettrice di Molfetta.

Processione di Maria Santissima dei Martiri, 2015. Da "Appunti di viaggio di Maria Cappelluti"
Processione di Maria Santissima dei Martiri, 2015.
Foto: “Appunti di viaggio di Maria Cappelluti”

Nel conclave del 24 agosto 1484 Giovanni Battista Cybo (Vescovo di Molfetta) viene nominato Papa col nome di Innocenzo VIII; con bolla pontificia del I Giugno 1485 indice indulgenze a favore del culto della Madonna dei Martiri nella domenica in albis e nella festa dell’8 Settembre.

Risale al 17 marzo 1570 la fondazione della confraternita della Madonna del Rosario ad opera del vescovo Maiorano, successivamente la confraternita si trasferirà nella chiesa di S.Domenico (15 maggio 1640).

L’11 Maggio 1560, un terribile terremoto distrusse molte città della Puglia lasciando illesa Molfetta. In quella circostanza l’Università di Molfetta deliberò l’apposizione dell’Immagine della Madonna dei Martiri sullo stemma civico della città facendo voto che Capitolo, Università e popolo dovevano recarsi in pellegrinaggio al santuario l’11 Maggio di ogni anno. Questa ricorrenza che tuttora si ripete va sotto il nome di “La Medonne du Tremelizze” (Madonna del Terremoto)

Molfetta, Basilica della Madonna dei Martiri vista dal mare – Foto di Cosimo Gadaleta
Leggi su Molfetta Discute: “LA STORIA DELL’ICONA DEI CROCIATI”

L’aggregazione della basilica della Madonna dei martiri a quella di Santa Maria Maggiore in Roma risale al 28 Dicembre 1755 ad opera del vescovo Celestino Orlandi, mentre per volere di Filippo del Giudice Caracciolo con regio decreto del 31 marzo 1828 fu concessa ai Padri Riformati la chiesa con locali, giardino e Mensa Vescovile, i frati vi subentrarono il 26 aprile 1829.

Nel 1840 un concittadino, Mauro Oronzo Valente, sciolse un voto facendo realizzare dallo scultore napoletano Giuseppe Verzella una statua in legno raffigurante la Vergine con Bambino e due angeli che porgono sulle spalle della Madonna un artistico manto di stoffa.

La statua fu benedetta il 30 agosto 1840, portata in processione fino alla chiesa di San Domenico e qui affidata ai Frati Minori che col popolo la portarono in processione solenne fino alla chiesa della Madonna dei Martiri. Il nuovo simulacro animò a tal punto i fedeli che cominciarono sempre piu a venerare la statua e abbandonare l’icona. Consapevoli di questo fatto i Frati Minori, per far sì che la devozione verso I’icona non venisse meno chiusero la statua in un armadio.

Icona Bizantina Madonna dei Martiri Molfetta
L’Icona Bizantina che si venera nella Basilica della Madonna dei Martiri di Molfetta. Ph Maria Cappelluti)

Questo provvedimento non fu sufficiente ad evitare le richieste del popolo di venerare la sacra immagine. (Ci racconta Padre Berardino Laricchia: “La statua della Beatissima Vergine si conserva in un armadio a specchio, situato in permanenza nel ripostiglio della navata di settentrione della nuova chiesa. L’armadio è chiuso a doppia chiave ed e difeso da una ringhiera di ferro. La porta del ripostiglio si apre in tutti i sabati dell’anno ed in qualsiasi richiesta del pubblico devoto”).

Intanto nuove iniziative sorgevano in occasione della Festività di Settembre. Risale al l 846  la sagra a mare dell’8 settembre. Il can. Primicerio Samarelli ci racconta: “Collocata al centro di una coppia di paranze , appositamente sorteggiate ed addobbate di pavesi, dopo esser stato percorso un buon tratto di mare dalle ore 14.00 alle 17.00 con largo seguito di barchette, la statua veniva deposta sulla terraferma. Di qui s’iniziava la processione terrestre: prima meta era il Duomo, dove si teneva esposto il mezzo busto d’argento di S.Corrado, poi, seguendo un itinerario vasto, la statua veniva portata per le vie della città accompagnata da un gran numero di fedeli.”

Ai nostri giorni ben poco e cambiato, anzi, la sagra di Settembre si e sempre piu arricchita di luminarie, fuochi pirotecnici, concerti d’opera ed altro.

Una foto d’altri tempi della tradizionale processione a mare nello specchio d’acqua del Porto del simulacro della Madonna dei Martiri. L’evento clou di tutta la festa, rimasto quasi inalterato con il trascorrere del tempo.

La sagra di settembre, rappresenta il culmine dei festeggiamenti in onore della Madonna dei Martiri, i quali sono preceduti da momenti di culto e di preghiere semplici ma molto significativi.

Del Giudice Caracciolo nell’affidare ai PP. Riformati tra le altre cose dispone: “Di conservare il culto che attualmente si esercita in detta chiesa, e segnatamente ogni sabato di ciascun anno per mantenere la devozione, che pienamente si osserva in questa popolazione. Come pure di solennizzare la novena preventiva al giorno della Natività della Beatissima Vergine giusta il modo e consuetudine che si e finora predicato, cioè due volte al giorno, ma nelle ore mattutine, l’altra nelle ore vespertine, ed il giorno istesso della Natività della Vergine, con quella pompa e solennità, che si e finora costumato”.

I Padri Riformati, non solo accettarono queste condizioni, ma incentivarono la devozione verso la Madonna dei Martiri con nuove pratiche di pietà. Furono loro i fautori dei sette sabati solenni in preparazione al solenne novenario ed alla Festa della Madonna dei Martiri. Mons. Picone in sollecitazione dei suddetti Frati compose un oremus ed un responsorio in latino nel 1913. Oltre ai sette sabati solenni i Padri Riformati composero anche una novena la cui stesura musicale fu affidata al maestro Giuseppe Peruzzi. N.B. Una prima stesura della novena si ebbe ad opera del vescovo Costantino nel 1848 con cenni storici, altre ristampe si ebbero nel 1848 e 1850. Numerose edizioni si sono pubblicate fino ai giorni nostri.

I sabati solenni ed il novenario si sono arricchiti della solenne fiaccolata che si tiene la sera nel piazzale antistante la Basilica (1982). (Recita del rosario e lettura della supplica alla Madonna).

Ai nostri giorni. Fin dalle prime ore dell’alba dell’8 Settembre, numerose messe vengono celebrate in Santuario, mentre nelle prime ore del mattino una fragorosa diana annuncia ai molfettesi l’eccezionalità del giorno, dedicato alla natività di Maria nel quale loro festeggiano la loro celeste patrona; mentre nel pomeriggio, all’imbarco, e a sera, allo sbarco della Madonna, una folla oceanica attende il sacro simulacro della Vergine. La stessa folla accompagna, la domenica successiva l’8 settembre la Madonna al Santuario concludendo i festeggiamenti con una grandiosa gara pirotecnica.

La società odierna si evolve cosi rapidamente da far sparire tutto ciò che appartiene solo a ieri, ma non può cosi facilmente strappare dalla mente e dal cuore dei molfettesi, vecchi e giovani, ciò che è a loro piu caro: la Madonna dei Martiri e la festa a Lei dedicata.

Fonte web: tiscali.it

Icona e Statua della Madonna dei Martiri che si venerano nella Basilica omonima di Molfetta
Icona e Statua della Madonna dei Martiri che si venerano nella Basilica omonima di Molfetta. Ph Maria Cappelluti)

Commenti



One Comment

Lascia un commento

Ricorda che il commento deve essere approvato dall’amministratore del portale. Se il commento contiene insulti o accuse infondate, sarà cancellato. La tua email non sarà pubblicata. I campi obbligatori sono contrassegnati *